Che cos’è e che cosa contiene
Il Ganoderma lucidum è un fungo coriaceo, molto ricco di tannini che cresce su legno in decomposizione, di preferenza su quercia o castagno. Ha delle innumerevoli proprietà benefiche. È apprezzato per le sue proprietà terapeutiche nei paesi orientali, soprattutto in Cina e in Giappone, dove viene intensamente coltivato, essiccato e trasformato in preparati a uso medicinale (polvere, decotti, unguenti, compresse, ecc.). In particolare, la medicina tradizionale cinese attribuisce al consumo di questo fungo la capacità di normalizzare il colesterolo e la glicemia, di regolare il battito cardiaco, di assicurare salute e longevità.
Tra i principi attivi (si stima ve ne siano oltre 200) attualmente individuati nel Ganoderma sono da ricordare i beta-glucani (la parete cellulare dei funghi è costituita per il 60 per cento da queste strutture), che aumentano il senso di sazietà, favoriscono lo svuotamento dell’intestino, migliorano la composizione della flora batterica intestinale e regolano la glicemia e la colesterolemia. Direttamente e indirettamente, quindi, i beta-glucani prevengono le malattie metaboliche, regolano l’efficienza del sistema immunitario e riducono il rischio di allergie e intolleranze. Altre sostanze attive presenti nel Ganoderma sono i triterpeni, in grado di ridurre le reazioni allergiche limitando la produzione di istamina, migliorando il metabolismo cellulare e favorendo la funzionalità epatica.

Antiallergico e immunostimolante
Al Ganoderma sono stati attribuiti diversi effetti salutari. Come, per esempio, buone proprietà antiallergiche e immunostimolanti (nei confronti dei virus e dei batteri), una certa capacità di regolare la pressione sanguigna e il battito cardiaco, un effetto antidepressivo e rilassante, una attività benefica sulle mucose respiratorie infiammate, ecc. Il filo rosso che collega tutte queste proprietà potrebbe essere proprio il grande potenziale adattogeno del Ganoderma. Questo fungo, in altre parole, sarebbe in grado di migliorare la capacità di adattamento dell’organismo alle richieste dell’ambiente (contatti con virus o batteri, ma anche stress psicofisici, ecc.). Tant’è che in Cina viene considerato un vero e proprio alimento nutraceutico: cioè secondo questi popoli i suoi principi attivi sono paragonabili a quello di un farmaco, del tutto naturale.

ganodermaPer maggiori infromazioni chiama il 328/2840277

Ganoderma – il fungo di chi vive bene